Hans Krankl


Johann "Hans" Krankl (14 febbraio 1953, Vienna) | Trisvalida
Wikipedia | FC Barcelona | These football times | Gallery | Carriera internazionale | Il gol ai tedeschi

Lo si può dire con tranquillità: è stato l'ultimo calciatore austriaco di livello internazionale. Centravanti, dotato di sinistro devastante, ha statistiche notevoli da esibire - più di quattrocento gol in carriera. A parte le stagioni nel Barça, tutti ricordano un suo gol decisivo contro la Germania ai mondiali d'Argentina, a Cordoba. "Tor tor tor tor tor tor tor tor, I werd' narrisch!", impazzì il telecronista, e con lui tutta l'Austria. Battere i tedeschi dopo un'infinità di secoli: che soddisfazione. La nazione gli fu e sempre grata gli sarà.

Juan Alberto Schiaffino

"Schiaffino aveva qualcosa di spirituale, di ieratico. Pigliava la palla con la stessa trepidazione e voluttà di un bambino che riceve la pappa dalla mamma. Restituiva la palla con la grazia di un maggiordomo che porta un messaggio sul vassoio come in un film di Hollywood"
(Italo Moscati)


Juan Alberto 'Pepe' Schiaffino (Montevideo, 28 luglio 1925 – 13 novembre 2002)  | Pentavalida
Wikipedia: italiano | Gazzetta - RepubblicaStorie di calcio - Maglia rossonera - Left | Statistiche internazionali

Ammutolì il Maracanã il 16 luglio 1950 segnando il gol del pareggio dell'Uruguay. Campione del mondo in quell'edizione e migliore giocatore di quella successiva in Svizzera, dove giocò una delle più belle partite di tutti i tempi, la semifinale tra la Aranycsapat e la Celeste. Cinque campionati vinti col Peñarol, tre col Milan e, ciliegina di fine carriera, la Coppa delle Fiere con la Roma nel 1961. Nonni di Portofino e dunque anche quattro apparizioni nella modesta compagine azzurra eliminata a Belfast nel 1958.

"Pareva nascondere torce elettriche nei piedi, tanto illuminava e inventava gioco con la semplicità che è propria dei grandi. Aveva innato il senso geometrico, trovava la posizione quasi d'istinto" (Gianni Brera). Campione epocale.

Paulo Roberto Falcão: siti di riferimento

"Gran iocatore, intelijiente. Lui piedi come mani”
(Nils Liedholm)


Paulo Roberto Falcão (Abelardo Luz, 16 ottobre 1953) | Pentavalida
Wikipedia: italiano | Profili: Storie di Calcio - Enciclopedia Treccani | Statistiche - Gol

Le partite di Rivera: una selezione

"Al 10' è Rivera che serve in profondità, con un lancio intelligente, Altafini: l'oriundo supera tutti e segna mentre il portiere britannico gli esce vanamente incontro". Così estrapolato, il frammento di prosa giornalistica potrebbe appartenere al resoconto di una delle tante partite che Rivera e José 'Mazzola' Altafini hanno giocato assieme, e il gol descritto uno dei molti che "l'oriundo" segnò nel Milan grazie alle improvvise illuminazioni del Golden Boy. I più esperti in riverologia, però, si stanno soprattutto chiedendo chi fosse quel "portiere britannico", e quale la partita di cui si sta parlando. Nella memoria scorrono rapide immagini di partite di coppa tra il Milan e le squadre di Albione negli anni di Rivera e di Altafini, e cioè tra le stagioni 1960-61 e 1964-65 (poi Altafini andò a divertirsi con Sivori, al Napule). Ma certo: Coppa dei campioni 1962-63, Milan-Ipswich, ottavi di finale, oppure Milan-Dundee, semifinale. José fece una valanga di gol in quell'edizione del torneo, si tratterà di capire quale. Vero, ne segnò tantissimi, ma nessuno all'Ipswich e nessuno al Dundee. Già. L'azione descritta appartiene a un match precedente, e di parecchio. 23 giugno 1960, San Siro. Amichevole in notturna, gradinate deserte o quasi, Milan contro Fulham [documentazione]. Amichevole di fine stagione, i rossoneri perdono e vengono sonoramente fischiati. Amichevole organizzata al termine di una stagione in cui il Milan ha deluso - solo terzo in campionato, lontanissimo dalla Juventus; fuori agli ottavi in Coppa dei campioni, duramente bastonato dal Barça; fuori alla prima in Coppa Italia, eliminato dal Como in un match disputato all'Arena. E' l'ultima annata di Schiaffino, l'ultima in panchina di Bonizzoni; Liedholm, dal canto suo, è ormai in fase declinante. La notturna contro gli inglesi, di per sé inutile, è però 'storica': per la prima volta, Gianni Rivera scende in campo a San Siro con la maglia del Milan. Quanto alla maglia c'era stato - è vero - un precedente, il 14 maggio del '59: una partitella a Linate, sul campo dell'Areonautica Militare, contro l'undici dopolavoristico della Rizzoli, cioè della proprietà [tabellino, sub data]. Il famoso provino. Rivera giocava ancora nell'Alessandria - anzi, aveva giusto fatto in tempo a esordire tra i grigi, nell'ultima di campionato, al Moccagatta, contro l'Inter. In quella circostanza, lo "Schiaffino di Alessandria" aveva giocato accanto a quello vero, vero e leggendario. Aveva impressionato alcuni, lasciato indifferenti altri. Non aveva ancora 16 anni. Non ne ha ancora 17, quando conclude la prima stagione da titolare nell'Alessandria. Venticinque partite, sei gol, e non è certo a causa sua se i piemontesi retrocedono in Serie B. Ironia della sorte, uno di quei gol - inutile - l'aveva regalato proprio al Milan, il 7 febbraio, e proprio a San Siro. Dove si ripresenta, appunto, il 23 giugno. "Al 10' è Rivera che serve in profondità, con un lancio intelligente, Altafini ...": così inizia la storia, e così continuerà per qualche anno. Anche dopo la partenza di Altafini.


Gianni Rivera ha disputato nel Milan, complessivamente (comprese dunque le amichevoli: se si contano per Pelé, perché non devono essere contate anche per l'abatino?) la bellezza di 957 partite, realizzando 314 gol. Si aggiungano le 60 partite (con 14 reti) in maglia azzurra, un'altra nella cosiddetta 'Nazionale B', altre 5 (con tre gol) nella rappresentativa olimpica del 1960. Quel che ha vinto, si sa. I numeri come sempre dicono poco, ma non molti sono i giocatori che possono vantarne di analoghi; lui è senz'altro da considerare uno dei grandi nella storia del calcio italiano e mondiale. E vale senz'altro la pena di rivedere - intere quando possibile, o nei frammenti filmati disponibili - alcune di quelle partite.

Le Coppe

Coppa dei Campioni 1962-63
22 maggio 1963 Milan-Benfica 2:1 Cineteca

Coppa Intercontinentale 1963
16 ottobre 1963 Milan-Santos 4:2 Cineteca
14 novembre 1963 Santos-Milan 4:2 Cineteca

Coppa delle Coppe 1967-68
1° maggio 1968 Milan-Bayern Monaco 2:0 Cineteca
23 maggio 1968 Milan-Amburgo 2:0 Cineteca

Coppa dei Campioni 1968-69
12 marzo 1969 Celtic-Milan 0:1 Cineteca
23 aprile 1969 Milan-Manchester UTD 2:0 Cineteca
15 maggio 1969 Manchester UTD-Milan 1:0 Cineteca
28 maggio 1969 Milan-Ajax 4:1 Cineteca

Coppa Intercontinentale 1969
8 ottobre 1969 Milan-Estudiantes de la Plata 3:0 Cineteca
22 ottobre 1969 Estudiantes de la Plata-Milan 2:1 Cineteca

Coppa Uefa 1971-72
5 aprile 1972 Tottenham-Milan 2:1 Cineteca

Coppa delle Coppe 1972-73
16 maggio 1973 Milan-Leeds UTD 1:0 Cineteca

Coppa delle Coppe 1973-74
8 maggio 1974 Magdeburgo-Milan 2:0 Cineteca

La nazionale

13 maggio 1962 Belgio-Italia 1:3 (amichevole) Tabellino Video Luce (Rivera all'esordio in Nazionale A)
31 maggio 1962 Italia-Germania Ovest 0:0 (Coppa Rimet) Cineteca
19 luglio 1966 Italia-Corea del Nord 0:1 (CR) Cineteca
23 ottobre 1968 Galles-Italia 0:1 (CR qual) Cineteca
29 marzo 1969 Germania Est-Italia 2:2 (CR qual) Cineteca
11 giugno 1970 Israele-Italia 0:0 (CR) Cineteca
14 giugno 1970 Messico-Italia 1:4 (CR) Cineteca
17 giugno 1970 Italia-Germania Ovest 4:3 (CR) Cineteca
21 giugno 1970 Brasile-Italia 4:1 (CR) Cineteca
20 febbraio 1971 Italia-Spagna 1:2 (amichevole) Cineteca
25 settembre 1971 Italia-Messico 2:0 Cineteca
9 ottobre 1971 Italia-Svezia 3:0 (CE qual) Cineteca
31 marzo 1973 Italia-Lussemburgo 5:0 (CM qual) Tabellino | Highlights
9 giugno 1973 Italia-Brasile 2:0 (amichevole) Cineteca
14 giugno 1973 Italia-Inghilterra 2:0 (amichevole) Cineteca
14 novembre 1973 Inghilterra-Italia 0:1 (amichevole) Cineteca
15 giugno 1974 Haiti-Italia 1:3 (CM) Cineteca
19 giugno 1974 Italia-Argentina 1:1 (CM) Cineteca

CR = Coppa Rimet
CE = Campionato d'Europa
CM = Coppa del Mondo